Isola caraibica, Barbados, come Martinica, fa parte della Piccole Antille, è piuttosto grande e di conformazione geologica calcarea e corallina, è piatta con al centro delle modeste alture che si innalzano al massimo per 350 metri con il Mont Hillaby. A sud e a ovest le spiagge sono bianche e lunghe, di sabbia fine, sono riparate dal vento e ideali per gli amanti del sole e dei bagni di mare in quanto protette dalla barriera corallina che mitiga il clima e le acque. A est le coste sono ventose e rocciose, lambite dall’oceano Atlantico adatte agli appassionati del wind surf, a nord le coste sono più alte essendovi la presenza di scogliere di arenaria e di corallo che emergono direttamente dalle onde schiumose del mare in uno splendido spettacolo. Tra gli anfratti si trovano splendide insenature riparate e accoglienti.
Le spiagge più belle e rinomate sono la Silver Sands che come dice il nome è bianca argentea si sabbia fine che non ha nulla da invidiare alla spiaggia Crane Beach, ovvero spiaggia della gru che è rinomata come una delle più belle spiagge del mondo.

Quando andare in base al clima

Il clima è tropicale caratterizzato da una stagione secca e una umida. La stagione secca va da dicembre a maggio con temperature intorno ai 30 gradi, quella umida e piovosa va da giugno a novembre ma le temperature non si abbassano mai al di sotto i 20 gradi.
Sicuramente è consigliato andare a Barbados nella stagione secca, periodo migliore per clima ma ovviamente più caro e più affollato di turisti.

Gli eventi

Il Crop-Over Festival (Festival per la fine del raccolto) si svolge per tre settimane a partire da metà luglio; la festa termina con una parata in maschera tenuta il primo lunedì di agosto (Kadooment Day).
L’Holetown Festival di febbraio si celebra in onore ei primi colonizzatori inglesi arrivati nel 1627. Dura una settimana e prevede fiere, un festival musicale e una corsa su strada.
L’Oistins Fish Festival, durante il fine settimana di Pasqua, è dedicato alla ratifica della Carta di Barbados e offre regate e gare di pulitura del pesce.

Le attrazioni naturalistiche

La flora offre La vista di una molteplicità considerevole di essenze tra cui i famosi ficus barbuti da cui l’isola prende il nome, le palme che ondeggiano al vento, acace, agavi, il cedro bianco ibisco dai vivaci colori, uberttose biganvileee una miriade di fiori tra cui orchidee e che si possono ammirare al Andromeda botanic gardens.
La fauna ci consente di incontrare miriadi di scimmiette, tartarughe, uccelli variopinti e anche il piccolo colibrì. Tra le bellezze naturali va ricordata la grotta naturale dell’Animal Flore Cave con i multicolori anemoni di mare, e l’Harrisin Cave con le sue grotte irte di stalattiti e stalagmiti.