Per le sue bellezze naturalistiche e artistiche, la Costiera amalfitana è stata dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. È delimitata a est da Vietri sul Mare e a Ovest da Positano, in mezzo c’è la perla, Amalfi, che ha dato il nome a tutta la splendida costiera che si specchia nel meraviglioso mare Tirreno del golfo di Salerno. Intorno ad Amalfi si estendono, come una corona una serie di paesi, tutti diversi e caratteristici, tutti ricchi di storia cultura e arte. Ricordiamo Vietri sul Mare, Maiori, Ravello, Minori e Positano.

Amalfi

Amalfi, la perla e la regina della costiera, antica Repubblica marinara prende il suo nome da una ninfa amata dal dio della forza, Ercole, Amalfisia. Ma la bellissima ninfa morì ed Ercole le diede sepoltura in un luogo bellissimo e diede il suo nome alla città che ivi vi costruì. In realtà Amalfi fu fondata da alcune famiglie romane col nome di A-Melphes. Fiera, coraggiosa e orgogliosa seppe acquistare la libertà, fu repubblica, scacciò i saraceni e difese i suoi floridi commerci marini. Ricchissima seppe regolare il commercio con la famosa «Tabula Amalphitana», il codice marittimo che regolamentava i rapporti fra fra marinai e mercanti e fra il padrone della nave e i marinai

Il duomo di Amalfi
Impiegò molte delle sue ricchezze nella costruzione del Duomo dove ancora riposano le reliquie di Sant’Andrea Apostolo, Santo patrono di Amalfi. Il Duomo fu edificato nel IX° secolo, Nel 1206 fu ricostruito in forme arabo normanne, presenta un meraviglioso mosaico sulla facciata, raffigurante S. Andrea Apostolo, una elegante scalinata di accesso, una grande cupola centrale e lo svettante campanile. Di leggiadra ed elegante bellezza è il chiostro Paradiso circondato da un quadriportico archi acuti , volte a crociera, colonnine binate e archi intrecciati dallo stile arabeggiante.

Palazzi, piazze e musei di Amalfi
Ricordiamo il Museo della carta, il Palazzo del Municipio, dove ha sede un museo, i mulini e le splendide spiagge che lambiscono il mare azzurro. Chi fa una visita ad Amalfi deve ristorarsi in uno dei bar che si trovano nella piazzetta antistante il Duomo per ammirarlo magari sorseggiando una ottima e rinfrescante granita al limone.

Vietri sul mare

Vietri sul Mare è nota come la città della ceramica. Passeggiando per i vicoli del centro storico sarà possibile ammirare bellissime mattonelle incastonate nelle mura delle case. Il centro è dominato dalla Chiesa di San Giovanni Battista sormontato da una policroma cupola maiolicata.

Maiori

Maiori ha la spiaggia più lunga di questo tratto di costa, il mare è azzurro e cristallino. Tra i principali monumenti ricordiamo la Colleggiata di S. Maria a Mare e il Castello di S. Nicola de Thoro-Plano. Interessanti sono anche le grotte tra cui quella di Pandora.

Ravello e Positano

A Ravello, i cui monumenti e la bellezza del paesaggio hanno affascinato molti artisti, da vedere Villa Rufolo, Villa Cimbrone e il Duomo.
Positano, favolose spiagge, mare cristallino, è incastonata nella montagna dove spiccano come gioielli le case dai colori caldi e pastello. Non manca una splendida chiesa, Santa Maria Teresa dell’Assunta, con la cupola a maioliche colorate che mandano suggestivi lampi e bagliori se illuminate dai raggi della luna.

Tanti altri affascinanti paesini, tra cui Furore, Praiano, Cetara, Scala tutti ricchi di storia e di arte e, come del resto in tutta la costiera, ottimi piatti, succosa frutta, inebrianti vini e liquori da gustare dopo un paio d’ore di shopping.


Guide di viaggio correlate