Quando andare a Bali, per essere sicuri di godersi appieno questa meta e scoprire tutte le bellezze che l’Indonesia riserva ai suoi visitatori? Quest’isola è un insieme di cultura, arte, spiritualità e natura: è quindi d’obbligo scegliere il periodo migliore, in modo da poter vivere una vacanza che non dimenticherete facilmente.

Il monsone umido e il monsone secco

Il clima di Bali può essere diviso in due periodi ben distinti, ognuno dei quali corrispondente a un preciso monsone. Durante il periodo del monsone umido, che va da novembre ad aprile, il tasso di umidità è maggiore e le precipitazioni sono molto più frequenti. Invece il periodo del monsone secco, da maggio a ottobre, è esattamente il contrario: il tasso di umidità si abbassa considerevolmente, il clima diventa molto più stabile (e soleggiato) e anche le temperature si fanno nettamente più piacevoli.

Il periodo migliore

Il periodo migliore per andare a Bali è quello che corrisponde alla stagione estiva nel continente europea: questi sono i mesi del monsone secco, quindi il tasso di umidità è basso; inoltre le temperature sono congeniali a una vacanza e oscillano da 31-32°C di massima a 22-24°C di minima.
Bisogna però tener presente una cosa: il clima nelle zone interne (collinari o montane) di Bali può essere profondamente diverso: qui i rovesci improvvisi sono molto probabili anche durante i mesi estivi, e le temperature potrebbero essere molto più basse di quello che ci si aspetta.

Foto di Bali