La città di Valencia offre una vasta offerta dal punto di vista turistico, sia per quanto riguarda l’architettura cittadina, che dal punto di vista dei quartieri, delle chiese e dei musei, tra i quali spicca la Città della Scienza e delle Arti, che è davvero un luogo da non perdere. Ecco alcune dei luoghi da visitare durante un viaggio a Valencia.

La Cattedrale

Si tratta di una cattedrale in stile gotico neoclassico alla quale si accede attraverso tre distinti portali: la Puerta del Los Hierros, in stile barocco, La Puerta del Palu, romanica, e la Puerta de los Apostoles, in stile gotico.
La Cattedrale vera e propria risale al Tredicesimo secolo, ma è stata edificata, come spesso accade per gli edifici sacri, in un’area che aveva già ospitato i luoghi di culto di periodo romano, oltre che una moschea.
Esternamente svetta la torre del Miguelete, dalla quale è possibile osservare un panorama che comprende tutto il centro storico di Valencia; l’interno è in stile neoclassico, e si dice ospiti il Santo Graal.

I mercati

Il Mercato Centrale di Valencia è sicuramente una tappa che vi lascerà soddisfatti, per i suoi odori e colori tipici. E’ aperto ogni giorno di mattina ed è il mercato chiuso più grande di tutta la città, nel quale potrete aggirarvi tra centinaia di negozietti e bancarelle che espongono frutta, verdura, pesce, oltre che le profumatissime spezie e la frutta secca e candita.
Uscendo si può dare un’occhiata anche alla Lonja de la seda, il caratteristico mercato della seta, sede dell’antico commercio del prezioso materiale a partire dal XVI secolo e dichiarata patrimonio Unesco dal 1996. Spettacolari sono le quattro porte principali della Lonja, con splendide decorazioni, come quella della Vergine e del bambino, o la Porta del Cristo e quella dei due santi apostoli. Particolari sono anche le decorazioni della porta dei vizi e del peccato, con gargoyles e esseri mostruosi.

La Città della Scienza e delle Arti

Imperdibile è questo gioiello dell’architettura realizzato dal noto architetto Santiago Calatrava, che è una vera e propria città nella quale si possono visitare cinque diverse sedi espositive, ovvero l’Oceanografic, l’Umbracle, il Palazzo delle Arti, l’Hemisferic e il Museo della Scienza.
La Città della Scienza e dlle Arti è aperta tutti i giorni e il biglietto, non molto economico, vale comunque la pena di essere acquistato, vista la bellezza dell’insieme del complesso. In particolare l’Oceanografic è l’acquario più grande di tutta Europa e ospita centinaia di animali, marini e non, suddivisi a seconda delle aree geografiche di provenienza. Vi si potranno ammirare specie Tropicali, Artiche, Antartiche, Oceaniche e provenienti dal Mar Rosso, con delfini, uccelli, meduse e addirittura murene e trichechi.

La paella valenciana

Non si può non menzionare una delle specialità di Valencia, la paellia, nota a tutti, ma spesso confusa con tutta una serie di ricette provenienti dal resto della Spagna. Meriterà quindi dedicare una serata ad un giro dei locali tipici del centro per assaggiare la vera paella valenciana prima di andare a godersi la vita notturna di Valencia.